Plants Do Move

E in questo peasaggio correva,
come un'onda, non visibile e nemmeno,
se non di tanto in tanto udibile.
Il Barone Rampante, Italo Calvino.


Forse vivere sugli alberi tutta una vita, così come accade a Cosimo - barone rampante in uno dei più famosi libri di Italo Calvino -, potrebbe farci percepire davvero il continuo movimento di un mondo vegetale che troppo spesso immaginiamo statico e silente.
E' solo una questione di tempo e di attenzione, perché le piante si muovono, producono rumori, interagiscono tra loro, collaborano grazie a insospettabili giochi di radici.


Dall'ottocentesco libro di Darwin, The Power of Movement in Plants, la letteratura sui movimenti vegetali prolifera e racconta di intriganti movenze più o meno repentine. Il tropismo è un movimento di crescita, orientato in risposta a uno stimolo, che può essere la luce, la gravità, l'umidità, il contatto. Ma le piante sono capaci anche di veri e propri scatti, quello fatale della carnivora dionea, quelli delicati della Mimosa pudica in reazione a stimoli tattili o vibrazioni.


E tra i movimenti più affascinanti del mondo vegetale, ci sono certamente i viaggi dei semi, capaci di "trasportare" vite verdi a chilometri di distanza, seguendo la direzione del vento, dell'acqua, di un animale, del caso. La nuova identità di Frassinago, nasce attorno al fascino di queste "migrazioni" e al fruttoseme della samara che con la sua elica e la sua portanza aerodinamica regola, imperscrutabile, i destini geografici di futuri frassini.